Moa Musem | MOA teatro presenta: ‘O RE
16654
single,single-post,postid-16654,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.3,vc_responsive

MOA teatro presenta: ‘O RE

16991902_1113567478751709_23940155749300610_o

09 mar MOA teatro presenta: ‘O RE

La Compagnia di Teatro del Bianconiglio ed il Circolo Mo’ Art presentano: ‘O Re.
MOA 1 Aprile 2017 ore 20.30
Ticket + ingresso al Museo Euro 10.
E’ consigliata vivamente la prenotazione
info 3924670491 – 3203715486 – 3384076186
info@moamuseum.it www.moamuseum.it

Cast
Umberto Del Priore – Re
Emiliana La Torraca – Fravulella
Enzo Greco – Gennaro Rivelli
Lucia Lanzara – Maria Carolina
Cosimo Naponiello – John Acton
Nino Pertraglia – Consigliere di Stato
Cosimo Ruggia – Consigliere di Stato
Niko Del Priore – Armand
Maria Gioia Naponiello – Cocò
Sara Rocco – Popette
Raffaella Bonora – Cameriera
Bruno Di Donato – Suonatore di Corte
SCENOGRAFIA – Donato Concilio
COSTUMI – Mara Caputo
REGIA – Bruno Di Donato

Sinossi
La commedia ‘O Re divisa in due atti, scritta e diretta dal giovane e poliedrico artista ebolitano Bruno di Donato, è ispirata alla figura del re “lazzarone e nasone” Ferdinando I di Borbone, divenuto poi in seguito anche sovrano del Regno delle due Sicilie. I collegamenti storici, la presenza di personaggi realmente esistiti, sono solo un pretesto per il racconto fantasioso su cui si basa l’intera vicenda.
La storia si svolge nell’arco di due settimane all’interno della camera da letto del sovrano, dove assistiamo ad una serie di gag e buffonate e a momenti esilaranti e tragici.
I personaggi agiscono quasi tutti sulla falsa riga del comico farsesco scarpettiano, sono presenti continui riferimenti storici utilizzati il più delle volte per fini umoristici, pur trattandosi a volte di eventi drammatici.
Il periodo storico è quello in cui il Regno di Napoli doveva affrontare un eventuale attacco militare napoleonico. Al fine di scongiurarlo, John Acton, uomo fidato di corte, consigliò al Sovrano borbonico di chiamare al palazzo dei mentori francesi per educarlo ad un programma di aggraziamento e portamento che avrebbe prodotto buoni risultati e provocato un’impressione positiva al cospetto del Generale francese Napoleone.

No Comments

Post A Comment